You are browsing the archive for Stefano Costa.

Italian government ditches transparency and open data

- March 1, 2013 in OKF Italy, Open Government Data

This post is a translation of Il nostro contributo per salvare gli #OpenData originally published by Ernesto Belisario on Agorà Digitale. Most links point to documents and websites in Italian. In the past few weeks I have been very involved with transparency (and therefore, open data) together with the friends of Agorà Digitale. Right when we were all busy with the Settimana della Trasparenza (Transparency Week), verifying if and how much the expenditure data from local and central Italian government is open (the resulting data is here), the cabinet accelerated the passage of a decree reorganizing all norms concerning transparency (decreto unico di riordino delle norme in materia di trasparenza).

This new version of the decree is said to be explicitly aimed towards a simplification of the existing norms and an augmentation of citizen rights. However the result is a huge step backwards for transparency and open data. Let’s see why. First, there is no attempt at introducing a true Freedom of Information Act (FOIA)-like legislation. Second, open data is ditched with the abolition of article 18 of the D. L. n. 83/2012, the so called “Decreto Sviluppo”, that was the most revolutionary and effective way to pursue transparency for expenditure data.

But there is more bad news. The Italian Data Protection Authority, who advised on the proposed changes, asked for even more pejorative steps further away from open data, for example prohibiting indexing and spidering by web search engines, making a mockery of any claim of “transparency”.

The Cabinet has been in a hurry to approve this decree before the coming elections – in such a hurry that they have forgotten to be transparent in the process! There has been no consultation on any level, either with other administrative bodies or with citizens and organizations dealing with transparency. This is rather the opposite of open and collaborative government – and it gets worse. The final text was approved without even being on the cabinet agenda: paradoxically for a norm on “transparency”, citizens had no idea that the decree was going to be passed.

Italy has been a member of the Open Government Partnership for more than a year, even hosting an international meeting just two months ago. Yet it seems public consultation and transparency need not feature in the political life of an OGP country.

AgoràDigitale, FOIA.it and OpenMediaCoalition partnered to submit comments and six proposals on the proposed changes to the transparency norms. The proposals touch three main themes:

a) open data is key for transparency. All the documents whose publication is mandatory according to the decree must be open data published in open formats. Expenditure data must be available for web spiders and engines to index, because – as David Eaves put it – “if it can’t be spidered or indexed, it doesn’t exist”.

b) open budget & open spending: public spending data is the most-wanted category of data – as shown by the success of initiatives like “Era della Trasparenza” (the Transparency Age). Therefore it is necessary to make all budget and spending data open.

c) freedom of information actcitizen access: our proposal aims at obtaining a true and full freedom of information act, that is currently missing from Italian legislation and unfortunately not on the political agenda.

We launched a public campaign to support our proposals, even though no one asked for our comments. The reaction from citizens was encouraging, and confirmed that they want a government that is actually transparent. With the election last week leaving Italian politics gridlocked by a hung parliament, we hope that all parties can unite behind the centraility of open data and transparency for legitimate democractic government.

Open data e Agenda Digitale: a che punto siamo?

- October 15, 2012 in Open Data, PSI

Questo post è di Federico Morando, managing director del Centro Nexa su Internet e Società del Politecnico di Torino. Il Centro Nexa organizza tra pochi giorni IGF Italia, a Torino. Una parte era già stata pubblicata in una intervista sul Sole 24 Ore. A che punto siamo e cosa resta da fare rispetto agli open [...]

A Year in the Life of Open Archaeology (and some upcoming events to look out for)

- December 5, 2011 in WG Archaeology

This update from the working group on Open Data in Archaeology is brought to you by Nicole Beale and Leif Isaksen. Nicole is a PhD candidate based in the Archaeological Computing Research Group and the Web Science Research Group, University of Southampton. Leif is a Research Fellow in the Archaeological Computing Research Group, University of Southampton. As 2011 draws to an end, it seemed timely to put together a quick update on a year’s happenings around Open Archaeology, as well as providing a brief overview of upcoming events relating to open access within the discipline, and sector of Archaeology.

Forthcoming 2012 Open Archaeology Events

Over the next six months, there are a few events that will contribute to the on-going effort to promote the importance of open access, open data, and open knowledge with Archaeology. In particular, the annual Computing Applications and Quantitative Methods in Archaeology Conference 2012, which is being hosted by the Archaeological Computing Research Group at the University of Southampton in the UK (26-30th March 2012) will include a number of prominent ‘Open Archaeology’ events:
  • Nicole Beale and Leif Isaksen (disclaimer: this is us!) will be chairing a session that is intended to provide a showcase for projects and theory related to the subject of Open Content in Archaeology. The session intends to cover legal and practical issues and end with a discussion of lessons learned and future action. Session details: The Shoulders of Giants: Open Content in Archaeology
  • Matteo Romanello , Felix Schäfer and Reinhard Förtsch will be chairing a session considering the use of linked open data for the study of the ancient world, considering opportunities and challenges represented by issues such as publication of data, use of live applications, digital libraries and URIs of objects. Session details: Linked Open Data for the Ancient World
There are also numerous other sessions that will be including papers covering open data. The call for abstracts has been extended until the 7th December 2011, so please do submit soon if you are planning to contribute to these sessions! CAA abstract submission details. In an exciting development, CAA2012 introduces the annual CAA Recycle Award. CAA Recycle Award seeks to recognise those who “breathe new life into old data”, and will be presently jointly to:
  • The best exemplar of data re-use at a CAA International Conference (the recycler)
  • The project or institution that made available the source dataset/s (the originator/s).
To follow the CAA2012 twitter account, use the hashtag #caa2012 or the user account @caasoton. There has been much work to advertise the benefits of open access in archaeology, and the forthcoming events continue this great trend.

Outline of Open Archaeology of 2011

So, a quick review of 2011 follows. I have picked out some notable projects and events here, but by no means have I intended to cover all of the great open content/access/data/science Archaeology projects and events that occurred in 2011. If I have missed any useful references, please do submit them to this post via the comments thread below. On 24th March, the PELAGIOS (Pelagios: Enable Linked Ancient Geodata In Open Systems) project, which uses Linked Open Data to refer to places in the ancient world, ran a workshop at Kings College London, on Linking Open GeoData in the Humanities. The workshop covered three key themes: referencing ancient and contemporary places online, lightweight ontology approaches, and methods for generating, publishing and consuming compliant data. Gregory Marler’s workshop write-up provides a useful summary. In April, the Research Information Network’s report “Reinventing research? Information practices in the humanities, which provided case studies for discovery and use of information, mentioned COPAC (an open access catalogue, integrating numerous databases), and put forward open access journals as a desirable dissemination practice. In mid-May the Workshop “Archaeologists & the Digital: Towards Strategies of Engagement” with the Centre for Audio Visual Study and Practice in Archaeology and the Archaeology and Communication Research Network, at UCL Institute of Archaeology, included presentations and discussions on the benefits of open access or Archaeology. In particular, Brian Hole’s presentation, ‘Open Access and Open Data – and why they matter for archaeology’, covered the opportunities open access provides for collaboration and research not previously possible. Hole discussed the potential of repositories and appropriate licensing. Hole’s presentation is available through Prezi, and Daniel Pett’s write-up of the workshop is available through the 7 Pillars of Wisdom blog. If you have access to the Public Archaeology journal, there is also a review article covering the event by Pett available there. Reference: D. Pett, “Review Article. Archaeologists & the Digital: Towards Strategies of Engagement. A workshop of The Centre for Audio-Visual Study and Practice in Archaeology and the Archaeology and Communication Research Network at UCL Institute of Archaeology, 26th May 2011,” Public Archaeology, vol. 10, no. 2, pp. 119-127, May. 2011. In the summer, the Archaeology Data Service released as part of Data Train, a set of open access teaching materials for the management of research data for Archaeology postgraduate students. The excellent Day of Archaeology on 29th July, in which over 400 archaeologists participated, included numerous references to the benefits of open access and open data. Some of those posts are included below: In September, Ant Beck presented the Detection of Archaeological Residues using remote sensing Techniques (DART) project, which embraces an Open Science approach, at the British Science Festival (read the press pack here). In this same month, the British Museum released a semantic web endpoint to the Collection Online search tool. The press release on the ResearchSpace site told us that “The Museum is the first UK arts organisation to instigate a Semantic Web version of its collection data. The new service brings the British Museum into the ‘linked data’ world and will allow software developers to produce their own applications that can directly manipulate and reuse the data.” The collection data has been mapped to the CIDOC-CRM, and is available on the Collection Space of the British Museum. In October, the e-journal Internet Archaeology (which is based on a hybrid open access model) went totally open access as part of Open Access Week (24-30th October). Press releases, and mailing list messages informed readers that this was in anticipation of plans to “move fully towards a sustainable Open Access (OA) model.” Phew, quite an eventful year. Here’s to 2012 providing as many, if not more, excellent opportunities to promote open access, open data, open science, and open knowledge in Archaeology. I for one am most excited about the CAA2012, where I am sure that we will see many great open data examples. Nicole Beale and Leif Isaksen Coarse Glazed Ware IV

ArcheoFOSS 2011: open data dal passato?

- June 23, 2011 in archeologia, beni culturali, Cultura, Incontri, napoli, Open Data

Il 9 e 10 giugno a Napoli si è tenuto il 6° workshop ArcheoFOSS, avviato nel (lontano) 2006. ArcheoFOSS è un workshop su “Free software, open source e open format nei processi di ricerca archeologica”, composto principalmente da archeologi ma aperto a tutto il mondo dei beni culturali e al confronto con l’informatica libera nelle sue implicazioni tecniche, sociali e culturali. Sin dal suo avvio, la condivisione dei dati e le problematiche connesse sono state tra i temi più frequentemente dibattuti, collocandosi al punto di incontro tra diritto d’autore, dei beni culturali, diritto di accesso agli atti della pubblica amministrazione, accessibilità dei dati territoriali (solo per citare i quadri normativi più rilevanti). L’incontro è stato una occasione importante per riflessioni collettive su alcuni temi di particolare rilievo, come:
  • l’adozione di software libero nelle amministrazioni preposte alla tutela del patrimonio archeologico e culturale, e le conseguenze che questo potrebbe avere in termini di accessibilità dei dati archeologici;
  • le problematiche derivanti dal quadro normativo nel coinvolgimento dei cittadini verso una maggiore fruizione del patrimonio culturale, in particolare i drastici limiti imposti alla riproduzione di beni culturali, anche digitale;
  • le opportunità offerte (e a quale “prezzo”) dal web semantico, o dalla sua declinazione attualmente più in voga: i Linked Open Data.
È evidente che nessuno di questi argomenti ha caratteri specifici limitati al mondo dell’archeologia o dei beni culturali, ed è quindi certamente importante aprire questa discussione verso l’esterno, confrontandosi e facendo rete con altre iniziative di più ampio respiro. Se l’adozione di software libero può essere vista come un fatto positivo nell’ambito della pubblica amministrazione, e in quella preposta alla tutela del patrimonio in particolare, essa non comporta necessariamente l’apertura delle banche dati e la rinuncia alla tipica “gelosia” dei loro fautori o custodi temporanei. Ci sono stati segnali incoraggianti da parte di alcuni funzionari in questo senso ‒ anche se rimane la sensazione che il motore centrale del Ministero possa fare la differenza in entrambe le direzioni. La limitazione alla riproduzione è infatti in forte contrasto con il pubblico dominio, la cui importanza economica e culturale è stata evidenziata dal progetto COMMUNIA, da poco concluso, in particolare nel Working Group 3. Il web semantico è ancora lungi dall’essere assorbito: prevalgono da un lato realtà “troppo avanzate” che comunicano con difficoltà i propri intenti e risultati, e dall’altro il timore verso l’apertura che il web semantico necessariamente deve comportare. Ho cercato di costruire un ponte tra questi due mondi apparentemente lontanissimi, con una presentazione sul tema molto semplice ‒ nella discussione che ne è scaturita è emerso un tiepido consenso verso la possibilità di avere URI per gli oggetti (reperti, scavi, etc), mentre più problematica è apparsa l’adozione di ontologie di sapore universale. I Linked Open Data possono avere un valore se sono utilizzati come strumento di pubblicazione e condivisione dei dati archeologici: se devono ridursi a un esercizio tecnico forse è più conveniente creare un dump del nostro database e metterlo online (magari con una documentazione).

#openbiblio Italia – seconda puntata

- June 22, 2011 in openbiblio

Il 1 giugno si è svolta la seconda riunione del gruppo di lavoro sui dati bibliografici (la prima riunione è stata relazionata sempre su questo blog). Abbiamo accolto Antonella De Robbio che ha condotto la nostra discussione su aspetti più concreti, grazie alla sua grande esperienza.

Fronti di azione

Tra i possibili fronti di azione per la promozione di #openbiblio in Italia abbiamo discusso i seguenti:
  • mondo della ricerca scientifica
  • open government data e trasparenza amministrativa
  • dati bibliografici aperti: cataloghi e banche dati bibliografiche composte essenzialmente di metadati
Questi ultimi sono in pratica tutti proprietari in Italia, e vige una grande confusione (o disinteresse) su chi siano i titolari dei diritti sui dati bibliografici degli OPAC italiani. Gli OPAC in Italia sono oltre 1200 e contengono bibliodati. È evidente la necessità di una volontà politica di condivisione, poiché siamo in presenza di banche dati frutto di un lavoro collettivo di decenni. Al tempo stesso è necessaria una base di consapevolezza sul fatto che i diritti sono in capo ai decisori, che devono sapere cosa farne: dobbiamo informare.

SBN

Il catalogo più importante è certamente il Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN), gestito dall’Istituto Centrale per il Catalogo Unico (ICCU) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. SBN è il più grande OPAC italiano e collega migliaia di biblioteche in poli e aggregazioni. Su questo specifico caso è possibile che il movimento per gli open government data abbia creato le condizioni per l’apertura. È una disponibilità che va verificata, soprattutto nell’ottica dell’adozione di una licenza CC0 o PDDL ‒ cioè le licenze raccomandate dai principi internazionali per i dati bibliografici aperti e adottate da tutti i casi di apertura.

Università

Molto diversa è la situazione dei cataloghi universitari, che per loro natura sono decentrati, e hanno una situazione generalmente non chiara sulla titolarità dei diritti. 34 università italiane utilizzano il software proprietario Aleph. Se da un lato questo può essere visto come un problema di interoperabilità, dall’altro è opportuno ricordare che l’apertura dei dati non dipende da nessun software specifico (esistono standard internazionali per i dati bibliografici che ogni software è in grado di gestire ed esportare). Inoltre, Ex Libris, la casa produttrice di Aleph, ha reiterato la totale separazione del proprio software dai dati che esso gestisce: sta alle biblioteche gestirli in autonomia, e decidere sul loro rilascio. Esistono purtroppo situazioni documentate di cattiva gestione, in cui per una serie di fattori le banche dati sono “prigioniere” del sistema di gestione, e crediamo che il movimento #openbiblio abbia un valore importante anche per migliorare queste situazioni e garantire la conservazione dei dati bibliografici per la collettività. È comunque indubbio che l’adozione di software libero renderebbe più agevole l’apertura dei dati e la sua sostenibilità a lungo termine. Nella prossima puntata parleremo più nel dettaglio di:
  • licenze
  • linked open data
Chi è interessato a partecipare può indicare il proprio nome e contatto su http://okfnpad.org/openbiblio-italia.

“Gli Open Data nel contesto italiano” all’ITTIG-CNR di Firenze

- June 15, 2011 in cnr, firenze, Incontri, Open Data

Lunedì 13 giugno l’ITTIG-CNR ha ospitato a Firenze un incontro su “Gli Open Data nel contesto italiano”. Il programma (in PDF) comprendeva interventi di Ernesto Belisario, Flavia Marzano, Ettore Di Cesare, Federico Morando, Eleonora Bassi e Michele Barbera. Questo resoconto è stato scritto da Stefano Costa con la collaborazione di Maurizio Napolitano. Probabilmente non c’era molto di nuovo per gli addetti ai lavori, se si esclude l’intervento di Eleonora Bassi (Università di Torino, progetto EVPSI) sulla protezione dei dati personali. La difficoltà dell’anonimizzazione, richiesta in casi specifici, è mitigata dal fatto che venga valutata in base ai costi necessari per la de-anonimizzazione, essendo tecnicamente impossibile garantirne una efficacia totale, nonostante venga intesa come un processo irreversibile. Il diritto all’oblio è particolarmente rilevante, e pur essendo stato concepito in un’altra epoca (priva di motori di ricerca e archivi potenzialmente sterminati) è tuttavia saldamente vigente. Questo presenta significative conseguenze, che non riguardano solo i dati pubblici ma anche l’elaborazione di informazioni giornalistiche: come già ricordato in altre occasioni, la condizione di “pubblico dominio” dell’informazione è necessaria ma non sufficiente perché sia riutilizzabile. Il garante si è espresso raramente citando la direttiva europea sul riutilizzo dei dati pubblici, ma il caso di voglioilruolo sembra molto interessante: il servizio, a pagamento, offre una “consulenza personalizzata” sulle graduatorie per gli insegnanti, sulla base dei dati raccolti dai singoli provveditorati. Il garante ha concesso l’esenzione dall’obbligo di rilascio dell’informativa individuale ai singoli interessati, sulla base della pubblica utilità del servizio e del valore aggiunto che esso fornisce, oltre che in base alla citata direttiva sul riuso. Ernesto Belisario ha proposto una distinzione tra iniziative di open data “di diritto” (come nel caso della proposta di legge in Regione Lazio, a cui ha lavorato in prima persona) e quelle “ottriate” (concesse dall’alto) dipendenti unicamente da decisioni degli organi di governo. Ernesto sostiene che la seconda ha il difetto di poter essere messa facilmente in discussione perché niente impedisce di fare marcia indietro. Al tempo stesso se chi ha aperto torna indietro deve poi misurarsi con i cittadini ‒ è stata proposta anche una visione degli open data come “diritto del cittadino” nei commenti successivi all’intervento. D’altro canto, è importante il coinvolgimento della pubblica amministrazione, altrimenti si creano situazioni in cui la norma è disattesa (come i casi citati della firma digitale e della PEC) perché “calata dall’alto” sulla PA ‒ soprattutto sugli enti locali e le amministrazioni periferiche. Federico Morando ha discusso il costo degli open data: un altro tema ancora poco noto (ma ben studiato da chi lo conosce). Di fatto, i timori per una lievitazione della spesa pubblica causata da politiche open data sono infondati. In tutti i casi di amministrazioni con iniziative già avviate, i costi sono bassi, riferiti al lavoro di 1-2 persone per il mantenimento del sistema. Il vero problema sono i tempi necessari per l’opera di “evangelizzazione” e l’eccessiva “ingegnerizzazione”. Sono incoraggianti le notizie relative al progetto CISIS per la confederazione di portali regionali dei dati pubblici, basati sul modello di dati.piemonte.it e compatibili con CKAN a livello di API (un importante aspetto emerso nel workshop di Edimburgo degli scorsi 3-4 maggio). È stato espresso l’auspicio che anche la Regione Toscana si unisca al progetto CISIS. Federico ha anche riportato una lista di ingredienti per gli Open Government Data, proposta dal neozelandese Laurence Millar al workshop Share-PSI.eu del mese scorso:
  1. leadership politica
  2. crisi finanziaria
  3. eroi nel governo e nell’amministrazione
  4. pressione da parte dei cittadini
Secondo Millar bastano 3 elementi su 4 per avere successo. Credo che i punti 2, 3 e 4 siano già presenti in Italia, e aggiungerei anche un quinto elemento, cioè la peer pressure. Michele Barbera, trattando i Linked Open Data ha spiegato come gli open government data siano un modo molto efficace per “mantenere la promessa” di tutti gli investimenti in ricerca fatti dall’Unione Europea sulle tecnologie semantiche. Il caso di Sindice ‒ un motore di ricerca semantico all’avanguardia, sviluppato in Italia ‒ è tra i più significativi. Ed è questo uno dei motivi principali per cui l’Europa è al momento il fulcro del movimento open data nel mondo. Aggiungo io, dovrebbe essere questo uno dei tanti motivi per ragionare di open data in ottica soprattutto europea, anche tenendo conto delle numerose direttive che regolano settori specifici. In un utile fuori programma, Oreste Signore del CNR ha presentato il neonato gruppo di lavoro sugli open government data in seno al W3C. La presenza nel pubblico di molte persone attive nel movimento ha rappresentato un’occasione importante per fare il punto su alcuni argomenti, anche durante il pomeriggio. In particolare abbiamo affrontato problemi molto pratici nella gestione dei dati giuridici (testi e processi normativi), con l’insostituibile esperienza di Ettore Di Cesare (OpenPolis). È evidente che è ancora necessario organizzare iniziative di taglio divulgativo, come ha fatto notare Ernesto Belisario nella conclusione del suo intervento. Aggiungo io, che queste iniziative dovrebbero sempre essere affiancate da un momento di discussione su problemi pratici e concreti, come è stato ieri a Firenze.

Oltre il buio: open data e percorsi partecipati per proteggere l’ambiente

- June 8, 2011 in Ambiente, buiometria partecipativa, firenze, Incontri, odbl

Sabato 21 maggio 2011 ero a Terrafutura con gli amici di Buiometria Partecipativa, nella sessione “Words, world, web”. Ho parlato per una decina di minuti di open data e delle motivazioni che hanno portato Buiometria Partecipativa ad adottare ODbL come licenza per i dati delle misurazioni sul territorio. Il nostro background è nel mondo del software geografico libero, e siamo stati parte delle prime discussioni in Italia sugli open geodata, quando “open data” non era ancora sulla bocca di tutti. Abbiamo partecipato, in vari modi, alla nascita di una comunità OpenStreetMap in Italia. Questi sono i motivi che razionalmente spiegano la scelta di una licenza libera. Anche se poi, in fin dei conti, il punto fondamentale è che ci piace predicare e razzolare bene, e farlo con apertura, autoironia, partecipazione, e sperimentazione. L’intervento è ora disponibile in video ‒ si inizia a parlare di open data intorno al minuto 35 ma vi consiglio di ascoltare anche le parti precedenti. Perché i dati buiometrici sono così importanti? Io credo che lo siano per due grandi motivi:
  • sono frutto di una esperienza di partecipazione e costruzione condivisa della conoscenza del territorio
  • sono dati di altissimo valore per la tutela ambientale
La scommessa sugli open data ambientali è una delle prossime che Open Knowledge Foundation vuole lanciare in Italia. Su questo tema esiste la direttiva europea 2003/4/CE, recepita nell’ordinamento italiano con il D. Lgs. 195/2005 e diffusa presso molte amministrazioni pubbliche (molto noto, per essere stato tra i primi, è il caso di ARPA Veneto). Questo non significa automaticamente open data, come è stato notato anche a proposito di altre direttive (PSI, INSPIRE), ma pensiamo che gli open data possano dimostrarsi la via più semplice per una attuazione estesa di questa direttiva. D’altro canto, come BMP dimostra, non tutti i dati ambientali sono prodotti da pubbliche amministrazioni, e proprio per questo è importante ragionare anche oltre le direttive CE. La porta è aperta per chi è interessato a dare il proprio contributo in tema di open data ambientali.

#openbiblio Italia – prima puntata

- May 30, 2011 in openbiblio

La scorsa settimana si è svolta la prima riunione di un piccolo gruppo di persone interessate a discutere il tema #openbiblio in Italia. Perché non ci sono solo gli Open Government Data.

Chi c’era?

Eravamo in 4, ben assortiti per età, provenienza e occupazione:
  • Andrea Zanni, segretario di Wikimedia Italia e impiegato presso Alma DL, Università di Bologna
  • Francesca Di Donato, Università di Pisa e Associazione Linked Open Data
  • Karen Coyle, bibliotecaria all’Università di Berkeley, membro del gruppo di lavoro internazionale OKFN sui dati bibliografici
  • Stefano Costa, archeologo, dottorando all’Università di Siena e coordinatore italiano di Open Knowledge Foundation

Di cosa abbiamo parlato?

Karen Coyle ha introdotto le attività del gruppo internazionale, tra cui: Francesca Di Donato ha spiegato che in Italia il movimento Open Access (OAI) ha un forte radicamento nel mondo delle biblioteche, quindi è opportuno creare un collegamento con questo movimento. Fortunatamente, Antonella De Robbio (Università di Padova, AIB, E-LIS) ha già dato la sua disponibilità a partecipare al prossimo incontro. Non è facile capire quali potrebbero essere gli ostacoli alla liberazione dei dati bibliografici, tenuto conto che, per esempio, Ex Libris, la software house che vende il diffuso software Aleph, ha dichiarato che le biblioteche sono padrone dei propri dati. Al tempo stesso, non è scontato che questa idea venga accolta ovunque con favore. Altro tema particolarmente importante è quello della titolarità dei diritti sulle banche dati bibliografiche. In altre parole, a quale porta bisogna bussare per chiedere la liberazione di questi dati? In molti casi, l’esistenza di poli bibliotecari a livello provinciale o regionale comporta una dimensione considerevole delle banche dati, per non parlare dei poli SBN che confluiscono a livello nazionale.

Quando c’è la seconda puntata?

Mercoledì 1 giugno parleremo di questo, alle 19:30. Chi vuole partecipare è benvenuto, e può segnare il proprio nome su http://okfnpad.org/openbiblio-italia.

CNA Next – Imola

- May 23, 2011 in Imprese, Incontri

Oggi sono a Imola, per l’incontro annuale di CNA Next, organizzato dai giovani imprenditori di CNA. In una tavola rotonda introdotta da Tito Boeri, si parla di innovazione e di alcuni ingredienti open da aggiungere alle ricette. Con me, oltre ad Andrea Di Benedetto, presidente nazionale di CNA Giovani e dell’associazione LinkedOpenData.it (di cui abbiamo già parlato), ci sono Frieda Brioschi di Wikimedia Italia, Raimondo Iemma della Fondazione Rosselli e Riccardo Luna di Wired Italia. Abbiamo affrontato l’innovazione da diversi punti di vista, considerato anche i nostri background variegati (community, giornalismo, ricerca). Mi fa piacere elencare i temi che hanno raccolto maggiore interesse e attenzione nel dibattito tra noi relatori e con i presenti:
  • il ruolo della formazione universitaria, il trasferimento di saperi dal mondo della ricerca a quello dell’impresa e l’importanza degli investimenti nella ricerca da parte delle imprese, in un paese che ha scelto il suicidio riducendo drasticamente il finanziamento alla ricerca e allo sviluppo
  • il gap apparentemente incolmabile tra uomini e donne, nelle possibilità di lavoro, nella qualità della formazione (come è noto, superiore per le donne) e i gravi problemi culturali che sono alla base di questo gap
  • l’inutilità di attendere l’intervento pubblico, a tutti i livelli: se abbiamo bisogno di qualcosa, facciamola noi (e ho avuto gioco fin troppo facile a citare CKAN Italia, essendo seduto di fianco a Riccardo Luna)
Le reazioni sono state molto positive: all’inizio temevo che, da ricercatore estraneo al mondo dell’impresa, i nostri interventi sarebbero risultati troppo astratti e privi di concretezza per la platea. E invece al contrario abbiamo dato uno scenario articolato e complesso a chi si occupa di ICT (e direttamente beneficia della disponibilità di open data) ma anche a quelle imprese che hanno concrete necessità di nuovi modelli organizzativi per il loro know-how, che del “fare rete” non possono fare solo uno slogan politico ma una pratica quotidiana. Piccolo è bello ma difficile. Piccolo e connesso è la strada che CNA Giovani Imprenditori ha deciso di intraprendere.

Conferenza LAPSI ‒ qualche appunto di viaggio

- May 16, 2011 in Incontri, PSI, Riuso

Il 5 e 6 maggio sono stato a Milano per la conferenza LAPSI organizzata all’Università Bocconi, insieme ad alcuni altri membri del gruppo di lavoro Open Knowledge Foundation Italia. Era presente anche Rufus Pollock, fondatore di Open Knowledge Foundation. Mi era stato chiesto di presentare la prospettiva italiana sugli open data, in particolare dal punto di vista delle comunità (non governative, non istituzionali, bottom-up). Ho presentato le diverse iniziative in corso, cercando di essere molto sintetico e di trasmettere “l’essenza” di ogni gruppo (spaghettiopendata, datagov.it, OpenStreetMap, GFOSS.it, LinkedOpenData.it). Ho anche mostrato alcune iniziative in fase di sviluppo come quella sui dati bibliografici e la BuioMetria Partecipativa. Trovate tutte le presentazioni e alcune immagini sul sito del progetto LAPSI. Fin qui, niente di nuovo per chi conosce questo mondo multiforme e in continua evoluzione. Molto nuovo e molto interessante è stato invece tutto quello che è seguito nel corso delle due giornate, che hanno toccato diversi aspetti legali connessi all’informazione del settore pubblico. Cercando di riassumere, mi sembra fondamentale recepire il fatto che il diritto d’autore e i diritti connessi rappresentano solo la punta dell’iceberg in termini di legislazione ‒ europea e italiana. C’è infatti una ampia casistica ancora largamente inesplorata ‒ anche in senso giuridico, che incide non poco sulle possibilità e volontà della pubblica amministrazione. Tra queste ci sono la protezione dei dati personali, la direttiva sul riutilizzo della PSI, la direttiva INSPIRE. La protezione dei dati personali è un tema ricorrente, irrisolvibile a livello generale. Per questo motivo è fino ad oggi stata trascurata (penso non sia errato dire che in molti casi il movimento open data ha un approccio generalista). Tuttavia, l’argomento è in corso di studio e non dubito che presto troveremo modo di discuterne su una base meno colloquiale (o peggio, disinformata) di quanto sia stato fatto finora. La direttiva sul riutilizzo della PSI, di rilievo centrale in tutta questa storia, ha d’altra parte dei forti limiti, che escludono moltissimi casi specifici lasciando quasi il dubbio che possa essere efficace. Inoltre, il suo obiettivo è quello (ovviamente), di favorire il riuso della PSI, mentre non ha alcun tipo di rilevanza la trasparenza. Credo che questo sia un punto molto importante, anche perché rende esplicita una cosa che invece si è detta molto poco in Italia fino ad oggi: la differenza tra dati della PA e dati sulla PA. Ci sono intersezioni tra i due insiemi, ma non sono necessariamente produttive. A questo aspetto normativo si affianca un secondo, non meno importante, ovvero il ruolo degli operatori commerciali, in particolare di quelli molto grandi, e il loro rapporto con i detentori di PSI, che spesso passa totalmente al di fuori di tutti i quadri normativi a cui ho fatto riferimento sopra. Sono stati molto interessanti i 4 interventi in concorso, di cui uno è stato premiato, che sono andati proprio ad esplorare questi temi ancora nuovi. Vi rinvio alla pagina dove sono state pubblicate alcune delle presentazioni. Insomma, il network LAPSI sta facendo un ottimo lavoro e sta ponendo delle buone basi per una discussione non ideologica di tutte le problematiche connesse al riuso dell’informazione del settore pubblico. LAPSI promuove la Open PSI ma con alcune limitazioni e la necessità di studiare, riflettere, discutere intorno agli aspetti legali del riutilizzo. Proprio perché gli aspetti legali non si limitano unicamente ai diritti d’autore, questo non comporta sempre che si tratti di open data secondo la Open Knowledge Definition. Ma stiamo tutti camminando nella stessa direzione, secondo me. Contiamo tutti su una accresciuta connettività tra questa iniziativa e il resto del nostro arcipelago.