You are browsing the archive for Licenze.

Open Definition: versione 2.0

- November 9, 2014 in Licenze, Open Data, Open Definition, openknowledge, Riuso

Lo scorso 7 ottobre Open Knowledge in collaborazione con Open Definition Advisory Council ha annunciato il rilascio della versione 2.0 della Open Definition. In italiano trovate on line la traduzione della versione 1.0 qui. Nella Open Definition si dichiarano i principi di base che definiscono il significato di “openness”, apertura, in relazione a dati e contenuti. La Open […]

Open Definition: versione 2.0

- November 9, 2014 in Licenze, Open Data, Open Definition, openknowledge, Riuso

Lo scorso 7 ottobre Open Knowledge in collaborazione con Open Definition Advisory Council ha annunciato il rilascio della versione 2.0 della Open Definition. In italiano trovate on line la traduzione della versione 1.0 qui. Nella Open Definition si dichiarano i principi di base che definiscono il significato di “openness”, apertura, in relazione a dati e contenuti. La Open […]

Open Definition: versione 2.0

- November 9, 2014 in Licenze, Open Data, Open Definition, openknowledge, Riuso

Lo scorso 7 ottobre Open Knowledge in collaborazione con Open Definition Advisory Council ha annunciato il rilascio della versione 2.0 della Open Definition. In italiano trovate on line la traduzione della versione 1.0 qui. Nella Open Definition si dichiarano i principi di base che definiscono il significato di “openness”, apertura, in relazione a dati e contenuti. La Open […]

Usare licenze open non è difficile. Eppure…

- January 22, 2014 in coerenze, Licenze, Open Data, Riuso

Wired Italia toglie la licenza CC dal sito e fa un pasticcio. Ma è così difficile usare correttamente le licenze? Faccio subito una premessa: a me Wired è sempre piaciuta come rivista. La conobbi la prima volta quando nel 2004 promosse The Wired CD, uno dei primi e più importanti esempi di compilation di musica […]

La nuova direttiva PSI: buona come sembra?

- April 24, 2013 in ePSI, Licenze, Open Data, PSI, Riuso

Il seguente testo è una libera traduzione dell’articolo originale: https://blog.okfn.org/2013/04/19/the-new-psi-directive-as-good-as-it-seems/ Uno sguardo ravvicinato alla nuova direttiva PSI di Ton Zijlstra e Katleen Jansen image by European People’s Party CC-BY-2.0, via Wikimedia Commons ll 10 Aprile, la Vice Presidentessa della Commissione Europea, Neelie Kroes, responsabile dell’Agenda Digitale Europea, ha annunciato che gli Stati Membri dell’Unione Europea hanno approvato un […]

Conseguenze, rischi ed effetti collaterali della licenza CC modulo NC “solo per uso non commerciale”

- January 8, 2013 in CC, CC-NC, creative commons, digital heritage, Free Culture, Licenze, Open GLAM

Questa è la versione italiana del post di Joris Pekel Consequences, risks and side-effects of the license module “non commercial use only” che potete trovare qui. Nel 2012, un gruppo di esperti tedeschi in copyright ha rilasciato in collaborazione con Wikimedia un documento disponibile in lingua tedesca “Folgen, Risiken und Nebenwirkungen der Bedingung Nicht-Kommerziell – NC” (Conseguenze, rischi ed […]

Italian Open Data License (IODL)

- May 6, 2011 in formez, iodl, Licenze

Quando Formez ha rilasciato la version beta della Italian Open Data License nello scorso autunno, da più parti (in primis Open Knowledge Foundation) si è segnalato con chiarezza che la licenza non era affatto open, per varie ragioni. La principale problematica era rappresentata dalla restrizione all’uso commerciale dei dati rilasciati sotto tale licenza (fortunatamente, trattandosi di una beta, non è stata utilizzata). Il secondo problema macroscopico era l’erronea indicazione di compatibilità con “Creative Commons 2.5” e “Open Data Commons”: come è noto, senza una specificazione di quale licenza tra le diverse offerte dalle due iniziative, tale indicazione sarebbe rimasta priva di fondamento. A seguito di queste segnalazioni, si è formato un gruppo di lavoro con il compito di procedere alla revisione della licenza in base ai problemi evidenziati. Ulteriori problemi sono stati in seguito individuati da Marco Ciurcina, nella terminologia non standard che non rimandava correttamente alla disciplina del diritto d’autore, in particolare dei diritti sui generis del creatore della banca di dati. Anche questi problemi sono stati risolti, ed è ora stata pubblicata la IODL 1.0, che si caratterizza per:
  • essere una licenza Share-Alike (è necessario mantenere i lavori derivati sotto la stessa licenza o una delle licenze compatibili)
  • essere compatibile (a senso unico) sia con ODbL sia con CC-BY-SA 3.0
  • essere rivolta principalmente alla Pubblica Amministrazione
Contiamo ora su questa licenza come uno strumento in più a disposizione delle amministrazioni che decideranno di rilasciare i propri dati per il riutilizzo.